mail unicampaniaunicampania webcerca

    Prof. Marcello Rotili

     

    s200 marcello.rotili

     

    Telefono: +39 0823 275571

    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

    Pubblicazioni

     

     

    Funzioni

    Il direttore ha la rappresentanza del dipartimento nell’assolvimento dei suoi compiti istituzionali, e promuove le attività ed è responsabile del suo funzionamento.

    Presiede e convoca il consiglio e la giunta, vigila sull’esecuzione delle delibere adottate, cura i rapporti con gli organi accademici e con l’amministrazione dell’ateneo, esercita tutte le altre attribuzioni conferite dalla legge, dallo statuto e dai regolamenti.

    Il Direttore dura in carica tre anni accademici.

     

    Curriculum

    Marcello Rotili è professore ordinario di Archeologia cristiana e medievale; già Direttore del Dipartimento di studio delle componenti culturali del territorio negli anni 2000-08, è attualmente direttore del Dipartimento di Lettere e Beni culturali. È Presidente dell'Accademia di Archeologia, Lettere e Belle Arti in Napoli di cui è socio ordinario dal 1987 e della quale è stato Segretario dal 1996 al 2011 (dal 1989 al ’96 ne era stato tesoriere); incaricato dal 1989 di curare le pubblicazioni del sodalizio, ha provveduto all’edizione di oltre 20 volumi rientranti nelle serie dei Rendiconti, delle Memorie e dei Monumenti. È altresì componente del Consiglio Generale della Società Nazionale di Scienze, Lettere e Arti in Napoli. È socio ordinario dell’Accademia Pontaniana e socio corrispondente dell’Istituto Nazionale di Studi Romani; è inoltre componente della Pontificia Commissione per l’Archeologia Sacra. Dal 1981 è uno dei 400 elettori del Premio Strega.

    Oltre che nell’Università Federico II di Napoli, ha insegnato nell’Università di Bari (1978-83) quale professore incaricato stabilizzato, nell’Università Mediterranea di Reggio Calabria e nell’Università di Macerata (presso il Dottorato di ricerca in Cultura dell’età romanobarbarica). È stato (dal 2001) componente del Dottorato di ricerca in Metodologie conoscitive per la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali istituito presso la Seconda Università di Napoli. Attualmente è componente del Dottorato di ricerca in Architettura, industrial design, patrimonio culturale della SUN. Negli anni ’90 ha svolto attività didattica presso le Università di Stoccolma e di Oslo. Nel 2013 l’Università di Stoccolma lo ha nuovamente invitato a tenere lezioni presso la Facoltà di Lettere. Dal 2012 al dicembre 2014 è stato componente del Senato Accademico della SUN. È stato Presidente del Conservatorio statale di Musica “Nicola Sala” di Benevento.

    Dirige la collana con referee Archeologia postclassica e co-dirige la serie Giornate sulla Tarda Antichità e il Medioevo. È corrispondente della rivista “Archeologia medievale” e componente di vari Comitati scientifici di riviste e collane come “Orizzonti. Rassegna di Archeologia” e come "Studi di Archeologia, Collana del Dipartimento di Beni Culturali – Sezione archeologica – Università di Palermo, diretta da R. Carra Bonacasa (dal 2010). 

    È componente del Direttivo e del Consiglio scientifico del CSL, Centro di studi longobardi istituito dalla Regione Lombardia, con sede nel Museo Bagatti Valsecchi di Milano. In precedenza è stato componente del Direttivo e del Consiglio scientifico del CISL, Centro italiano di studi longobardi istituito dalla Fondazione Musei di Brescia e dal Comune di Brescia con la consulenza di varie Università.

    Ha organizzato mostre di livello internazionale quali Museo Novarese, Novara 1987 e I Longobardi, Cividale del Friuli-Passariano 1990 quale componente dei rispettivi Comitati scientifici. Ha inoltre organizzato l’esposizione Benevento, l’immagine urbana allestita a Stoccolma (Istituto italiano di cultura, 1991), quindi in diverse città di Finlandia, Norvegia, Danimarca, Cecoslovacchia. Dal 1996 al 2000 ha organizzato le Giornate di studio sull’età romanobarbarica curando la pubblicazione dei relativi Atti. Dal 2008 organizza (con la collaborazione di C. Ebanista) le Giornate di studio sulla Tarda Antichità e il Medioevo giunte nel 2015 alla loro ottava edizione.

    Ha condotto ricerche sulle Grandi Migrazioni, in particolare su Longobardi, Goti e Gepidi, prendendo parte a scavi di necropoli e villaggi nel bacino del Danubio (Racàlmas-Göböljaras e Kölked) e del Tibisco (Örmenykut) in collaborazione con l’Università Eötvös Lorànd di Budapest e nell’ambito di intese fra l’Accademia delle Scienze d’Ungheria ed il C.N.R.; nel pubblicare i rinvenimenti di Borgovercelli e di Benevento ha approfondito, in particolare, lo studio della tecnologia delle armi longobarde.

    Ha fatto parte del gruppo di lavoro del Progetto Italia Langobardorum-UNESCO che ha ottenuto il riconoscimento, quale patrimonio mondiale dell’umanità, di sette siti legati alla presenza dei Longobardi in Italia (Castelseprio, Brescia, Cividale del Friuli, Campello sul Clitumno, Spoleto, Benevento, Montesantangelo). Ha organizzato numerosi Convegni nazionali e internazionali e collabora con diverse istituzioni culturali italiane e straniere. Ha tenuto lezioni e conferenze in Portogallo, Svezia, Norvegia, Francia, Ungheria, Cecoslovacchia.

    Ha diretto scavi archeologici in Irpinia, nel Sannio e in Calabria coordinando i relativi gruppi di ricerca, su concessione ministeriale o su incarico di Soprintendenze, Comuni e nell’ambito di Progetti di ricerca d’Ateneo e di Progetti di rilevante interesse nazionale (PRIN-MIUR): castello di Montella (1980-92, 2005-08), S. Angelo dei Lombardi-castello (1987-96), Rocca San Felice (1990-94), Bisaccia-castello (1992), Torella dei Lombardi-castello Candriano (1993-97), castello di Ariano Irpino (1988-95, 2008-09), castello di Monteforte Irpino (1987-88), torre di Girifalco a Torella dei Lombardi (1993), ex-cattedrale di S. Maria Assunta e chiesa di S. Pietro a Frigento (1990-91, 1994), centro fortificato di Montegiove-Montechiodo, presso Buonalbergo, prov. di Benevento (1999-2000), castello di Amendolea (Condofuri, RC, 2000-03), area dell’Arco del Sacramento a Benevento (2004-2008), Castel Campagnano-Palazzo Aldi, prov.Caserta (2008), Torre carceraria di Sant’Agata dei Goti, prov. Benevento (2008), Cellarulo-Benevento (2008-09); castello di Circello, prov. Benevento (2010-2012); Cerreto Vecchia (cerreto Sannita, 2012-13 e 2015).

    Gli scavi da lui diretti sono stati editi in sedi scientifiche e presentati mediante l’allestimento di esposizioni museali e di percorsi di visita (Torella dei Lombardi, Rocca S. Felice, Montella ed ex-cattedrale di S. Maria Assunta di Frigento). Tra il 2001 e il 2002, su incarico conferito dal Comune di Benevento al Dipartimento di studio delle componenti culturali del territorio della SUN., ha diretto attività di diagnostica archeologica nell’area di Cellarulo (Benevento) curando la pubblicazione del relativo volume. Dirige le attività di ricognizione archeologica nella valle del Cervaro, nella valle del Calore, nell’alta valle dell’Ofanto, nell’alta valle del Titerno nell’ambito di Progetti di ricerca d’Ateneo e di Progetti di rilevante interesse nazionale (PRIN-MIUR). 

    Ha al suo attivo circa 270 pubblicazioni scientifiche fra le quali 9 monografie.

    facebook logogoogle plus logo buttonyoutube logotype