mail unicampaniaunicampania webcerca

    Corso di Laurea in Lettere

    Classe di Laurea: L-10 - Lettere

    Durata: 3 anni

    Crediti: 180 CFU

    Presidente del CdS: Prof. Claudio Buongiovanni

    Il Corso di studio in Lettere ha una durata triennale e prevede l'acquisizione in ciascun anno di 60 CFU.

    Lo studente potrà scegliere fra tre curricula: Lettere moderne, Lettere classiche, Lettere con indirizzo europeo.

    I primi due curricula, classicistico e modernistico, rispondono all'esigenza di formare laureati che possiedano una solida cultura umanistica scientificamente fondata, la quale si basa sui diversi settori disciplinari della letteratura, della filologia, della linguistica, della geografia e della storia; le conoscenze archeologiche e storico-artistiche completano ed integrano la preparazione di base.
    Il nuovo curriculum, di indirizzo europeo, è caratterizzato da una più marcata apertura alla cultura europea e da una maggiore attenzione per gli aspetti linguistici.

     

      ISCRIVITI

      Orario lezioni

      Calendario esami

      Sedute di laurea

      Insegnamenti attivi nell'a.a. 2018-2019

      Qualità della didattica

     

    Descrizione del corso

    Il Corso di studio in Lettere ha una durata triennale e prevede l'acquisizione in ciascun anno di 60 CFU.

    Lo studente potrà scegliere fra tre curricula: Lettere moderne, Lettere classiche, Lettere con indirizzo europeo.

    I primi due curricula, classicistico e modernistico, rispondono all'esigenza di formare laureati che possiedano una solida cultura umanistica scientificamente fondata, la quale si basa sui diversi settori disciplinari della letteratura, della filologia, della linguistica, della geografia e della storia; le conoscenze archeologiche e storico-artistiche completano ed integrano la preparazione di base.
    Il nuovo curriculum, di indirizzo europeo, è caratterizzato da una più marcata apertura alla cultura europea e da una maggiore attenzione per gli aspetti linguistici.

    Il percorso formativo del Corso di Laurea spazia dalla conoscenza del contesto storico culturale allo studio dei sistemi della rappresentazione letteraria e permette di intraprendere sia i successivi studi più avanzati della laurea magistrale, con i conseguenti sviluppi formativi finalizzati all'inserimento nel mondo della scuola, sia di affrontare la competizione del mercato del lavoro nei settori dell'organizzazione culturale (pubblica e privata), dell'editing e della pubblicità.
    Agli insegnamenti tradizionali si affiancano, soprattutto nell'ultimo anno, seminari, corsi di approfondimento e itinerari formativi alternativi per affrontare in maniera analitica testi, momenti storici e opere capitali della cultura occidentale.

    Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

    1. Organizzatori di fiere, esposizioni ed eventi culturali - (3.4.1.2.1)
    funzione in un contesto di lavoro:
    Il corso fornisce le conoscenze e le capacità espositive utili per approntare progetti capaci di illustrare il significato culturale e storico di luoghi, o di valorizzare ricorrenze, oggetti, documenti di vario genere, mettendone in risalto tanto i valori sociali di cui sono portatori quanto il significato che essi assumono nella società del nostro tempo.
    competenze associate alla funzione:
    Questa professione richiede, oltre alle imprescindibili competenze linguistico-comunicative, adeguate conoscenze geografiche, storico-archeologiche, storico-artistiche e letterarie, funzionali alle esposizioni od eventi culturali che si intende progettare.
    sbocchi occupazionali:

    Organizzazione di fiere, esposizioni ed eventi culturali.

    2. Organizzatori di convegni e ricevimenti - (3.4.1.2.2)
    funzione in un contesto di lavoro:
    Il corso prepara laureati in grado – alla luce di quanto appreso negli ambiti delle letterature, delle storie e delle lingue, antiche e moderne – di predisporre incontri culturali e scientifici, così come di organizzare momenti informativi e di promozione che possano stimolare e facilitare la partecipazione degli eventuali fruitori.
    competenze associate alla funzione:
    Questa professione richiede competenze, sia linguistico-comunicative che di cultura generale, utili a promuovere e valorizzare incontri ed iniziative che abbiano per oggetto temi che, spaziando dall'antichità alla contemporaneità, risultino coerenti con le conoscenze acquisite dal laureato durante i suoi studi.

    sbocchi occupazionali:

    Organizzazione di convegni, di ricevimenti, nonché di incontri promozionali e informativi su temi coerenti con le conoscenze acquisite dal laureato durante i suoi studi.

    3. Tecnici dei musei (3.4.4.2.1)

    funzione in un contesto di lavoro:
    Il corso prepara laureati che, allorché inseriti lavorativamente in strutture museali attinenti alle culture e alle tradizioni antiche nonché a quelle moderne e contemporanee, siano in grado di interpretare con specifica competenza materiali, oggetti e documenti di vario genere, correttamente contestualizzandoli attraverso la conoscenza della bibliografia e delle relative fonti letterarie; ed in grado, altresì, di renderli di facile comprensione ai visitatori in virtù di un'adeguata capacità di presentazione e di illustrazione.
    competenze associate alla funzione:
    Questa professione richiede adeguate competenze letterarie, linguistiche, storiche, storico-artistiche e archeologiche, tali da garantire la flessibilità culturale necessaria per curare attività inerenti ad un vastissimo arco temporale, dalla preistoria al mondo contemporaneo.

    sbocchi occupazionali:

    Tecnici di musei statali e/o privati, che espongono beni culturali di ogni epoca e provenienza.

    Requisiti di ammissione

    Per essere ammessi al Corso di Laurea è necessario essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio equipollente conseguito all'estero.
    Sono altresì necessarie la padronanza della lingua italiana sia orale sia scritta, una buona capacità di comprensione della lingua della tradizione letteraria italiana, una buona cultura generale, segnatamente nell'ambito letterario e storico, la conoscenza minima di una lingua straniera moderna, nonché la conoscenza dei principali strumenti informatici.
    Le modalità di verifica delle conoscenze richieste per l'accesso sono definite dal Regolamento didattico del Corso di Studio, dove sono altresì indicati gli obblighi formativi aggiuntivi previsti nel caso in cui la verifica non sia positiva.

    Obiettivi formativi

    Il Corso di laurea in Lettere si propone di formare in maniera critica il futuro insegnante, giornalista, scrittore, editor, archivista, bibliotecario, organizzatore di eventi, attraverso un ampio spettro di competenze formative acquisite in ambito umanistico, con una particolare attenzione, tra le abilità e conoscenza che caratterizzano il nostro mondo attuale, al possesso delle Lingue straniere. Il corso di studi è modellato su un arco culturale ampio, che va dal mondo antico al mondo moderno, e prevede percorsi nei diversi settori disciplinari della letteratura, della linguistica, della filologia, della geografia e della storia; le conoscenze archelogiche e storico-artistiche completano ed integrano la preparazione di base. Obiettivi formativi impliciti interessano l'acquisizione di competenze criticamente rielaborate in tutte le discipline.
    Il percorso formativo, che spazia dalla conoscenza del contesto storico culturale allo studio dei sistemi della rappresentazione letteraria, permette di intraprendere sia i successivi studi più avanzati della laurea magistrale, con i conseguenti sviluppi formativi finalizzati all'inserimento nel mondo della scuola, sia di affrontare la competizione del mercato del lavoro nei settori dell'organizzazione culturale(pubblica e privata),dell'editing e della pubblicità.
    Ai corsi tradizionali si affiancano, soprattutto nell'ultimo anno, seminari, corsi di avviamento all'informatica, tirocini, itinerari formativi integrativi per affrontare in maniera analitica testi, momenti storici e opere capitali della cultura occidentale.
    Anche per la prova finale del corso di laurea va riconosciuto un ruolo importante ai Tirocini formativi, nel senso che parte del lavoro di preparazione dell'elaborato finale può avvenire all'interno di un'attività di tirocinio.

    Prova finale

    La Laurea in Lettere si consegue previo superamento di una prova finale, che consiste nella presentazione e discussione pubblica, di fronte ad una commissione di docenti, di una tesi scritta o di un prodotto informatico, multimediale, purché anch'esso accompagnato da un elaborato scritto introduttivo ed esplicativo, che lo studente avrà avuto cura di redigere sotto la guida di un docente di uno dei settori scientifico-disciplinari previsti nell'ordinamento didattico. Alla prova finale va riconosciuto il ruolo di importante occasione formativa individuale a completamento del percorso, senza però richiedere una particolare originalità. Il candidato deve mostrare l'acquisita capacità di organizzare in modo selettivo il materiale documentario acquisito, applicando nell'elaborazione le corrette metodologie di analisi e di sintesi.Commisurati al tempo effettivamente necessario per la sua preparazione, i 4 CFU assegnati alla prova finale possono essere integrati dai CFU assegnati ai Tirocini formativi, nel senso che parte del lavoro di preparazione dell'elaborato finale può avvenire all'interno di un'attività di tirocinio.
    Per essere ammesso alla prova finale lo studente deve aver conseguito 176 crediti. Le modalità di svolgimento della prova finale sono fissate dal Regolamento del Corso di Studio, in applicazione di quanto stabilito dal Regolamento di Dipartimento.

    Lo studente discuterà la prova finale (tesi scritta o prodotto informatico, multimediale
    accompagnato da un breve elaborato scritto introduttivo ed esplicativo) davanti alla commissione in una data stabilita con congruo anticipo e tempestivamente pubblicizzata.
    La commissione, ai fini della valutazione, terrà conto del lavoro svolto, del parere del relatore, della presentazione e della discussione.
    Come per legge, il candidato viene proclamato laureato con votazione in centesimi.

     

    facebook logoinstagram buttonyoutube logotype